Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazioni tra concentrazioni plasmatiche di Acidi grassi e schizofrenia


Sebbene gli studi suggeriscano che le concentrazioni di Acidi grassi Omega-3 e Omega-6 siano più basse negli individui con schizofrenia, le prove degli effetti benefici dell'integrazione di Acidi grassi sono scarse.

Pertanto, in questo studio, si è determinato se le concentrazioni di Acidi grassi Omega-3 e Omega-6 siano causalmente correlate alla schizofrenia.

È stato condotto uno studio di randomizzazione mendeliana a due campioni, utilizzando dati pubblicamente disponibili.
Le relazioni esposizione-esito sono state valutate utilizzando il metodo di randomizzazione mendeliana a due campioni ponderato con varianza inversa utilizzando i risultati degli studi di associazione sull'intero genoma ( GWAS ) delle concentrazioni di Acidi grassi e della schizofrenia.

I risultati GWAS erano disponibili per campioni di ascendenza europea ( Acidi grassi ) ed europea e asiatica ( schizofrenia ).

Gli effetti causali del gene FADS e del gene ELOVL2 sulla schizofrenia sono stati calcolati dividendo la stima dell'effetto del polimorfismo a singolo nucleotide ( SNP ) - schizofrenia per la stima dell'effetto dell’SNP-acido grasso con gli errori standard derivati ​​​​utilizzando il primo termine da un'espansione del metodo delta per la stima del rapporto.

La randomizzazione mendeliana multivariata è stata utilizzata per stimare gli effetti diretti degli Acidi grassi Omega-3 sulla schizofrenia, indipendentemente dagli acidi grassi omega-6, dalle lipoproteine ​​( HDL e LDL ) e dai trigliceridi.

Le analisi di randomizzazione mendeliana hanno indicato che le concentrazioni di Acidi grassi Omega-3 e Omega-6 a catena lunga erano associate a un minor rischio di schizofrenia ( odds ratio ponderato per la varianza inversa, OR=0.83 per l'Acido Docosaesaenoico; DEA ).

Al contrario, ci sono state deboli evidenze che gli Acidi grassi Omega-3 a catena corta e Omega-6 a catena corta siano associati a un aumentato rischio di schizofrenia ( varianza inversa ponderata OR=1.07 per l'Acido alfa-Linolenico ).

Gli effetti sono stati coerenti tra le analisi di sensibilità e le analisi FADS single-SNP, suggerendo che le concentrazioni di Acidi grassi Omega-3 a catena lunga e Omega-6 a catena lunga siano associate a un minor rischio di schizofrenia ( OR=0.74 per l'Acido Docosaesaenoico ), mentre le concentrazioni di Acidi grassi Omega-3 a catena corta e Omega-6 a catena corta siano associate a un aumentato rischio di schizofrenia ( OR=1.08 per l'Acido alfa-Linolenico ).

Per contro, le stime delle analisi del singolo SNP ELOVL2 sono state più imprecise e compatibili con gli effetti sia di aumento del rischio che di protezione per ciascuna delle misure di acido grasso.

La randomizzazione mendeliana multivariata ha indicato che l'effetto protettivo dell'Acido Docosaesaenoico sulla schizofrenia persisteva dopo il condizionamento su altri lipidi, sebbene l'evidenza fosse leggermente più debole ( varianza inversa multivariata ponderata OR=0.84 ).

I risultati sono compatibili con gli effetti protettivi degli Acidi grassi Omega-3 e Omega-6 a catena lunga sulla schizofrenia, suggerendo che le persone con schizofrenia possano avere difficoltà a convertire gli Acidi grassi polinsaturi a catena corta in Acidi grassi polinsaturi a catena lunga.

Sono necessari ulteriori studi per determinare se l'integrazione di Acidi grassi polinsaturi a catena lunga o l'arricchimento della dieta possano aiutare a prevenire l'insorgenza della schizofrenia. ( Xagena2021 )

Jones HJ et al, Lancet Psychiatry 2021; 8: 1062-1070

Psyche2021



Indietro