WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
XagenaNewsletter

Amisulpride e Olanzapina seguite da Clozapina nella schizofrenia da primo episodio e nel disturbo schizofreniforme


Non esiste un algoritmo di trattamento stabilito per i pazienti con schizofrenia. Non è noto se la sostituzione degli antipsicotici o l'uso precoce della Clozapina migliori l'esito nella schizofrenia ( primo episodio ).

È stato condotto lo studio a tre fasi OPTiMiSE in 27 Centri, costituiti da ospedali generali e cliniche specialistiche psichiatriche, in 14 Paesi europei e in Israele.
I pazienti di età compresa tra 18 e 40 anni che hanno soddisfatto i criteri DSM-IV per schizofrenia, disturbo schizofreniforme o disturbo schizoaffettivo sono stati trattati per 4 settimane con Amisulpride ( Deniban ) fino a 800 mg/die per via orale in un disegno in aperto ( fase 1 ).

I pazienti che non hanno soddisfatto i criteri di remissione sintomatica a 4 settimane sono stati assegnati in modo casuale a continuare con Amisulpride o a passare a Olanzapina [ Zyprexa ] ( 20 mg/die o meno ) durante una fase in doppio cieco di 6 settimane ( fase 2 ).

I pazienti che non erano in remissione a 10 settimane hanno ricevuto Clozapina [ Leponex ] ( 900 mg/die o meno ) per ulteriori 12 settimane in un disegno in aperto ( fase 3 ).

L'esito primario era il numero di pazienti che hanno raggiunto la remissione sintomatica alle visite finali delle fasi 1, 2 e 3, misurate mediante analisi intention-to-treat.

Tra il 2011 e il 2016, sono stati reclutati 481 partecipanti. Dei 446 pazienti nel campione intention-to-treat, 371 ( 83% ) hanno completato il trattamento con Amisulpride in aperto e 250 ( 56% ) hanno raggiunto la remissione dopo la fase 1.
93 pazienti che non erano in remissione hanno continuato fino allo studio di 6 settimane in doppio cieco, con 72 pazienti ( 77% ) che hanno completato lo studio ( 39 con Olanzapina e 33 con Amisulpride ); 15 pazienti ( 45% ) con Amisulpride rispetto a 17 ( 44% ) con Olanzapina hanno raggiunto la remissione ( P=0.87 ).

Dei 40 pazienti che non erano in remissione dopo 10 settimane di trattamento, 28 ( 70% ) hanno iniziato con la Clozapina; 18 pazienti ( 64% ) hanno completato il trattamento di 12 settimane e 5 ( 28% ) hanno raggiunto la remissione.

Il numero di eventi avversi gravi non differiva tra i bracci di trattamento nella fase 2: un paziente con Olanzapina è stato ricoverato in ospedale a causa di un attacco epilettico e un paziente con Amisulpride è stato ricoverato in ospedale due volte a causa di esacerbazioni dei sintomi psicotici.
Nel corso dello studio sono stati segnalati due gravi tentativi di suicidio.

Per la maggior parte dei pazienti nelle prime fasi della schizofrenia, la remissione sintomatica può essere ottenuta utilizzando la somministrazione sequenziale di Amisulpride e Clozapina.
Dal momento che il passaggio a Olanzapina non ha migliorato l'esito, la Clozapina deve essere utilizzata dopo che i pazienti hanno fallito con un singolo antipsicotico, non prima che siano stati sperimentati due antipsicotici, secondo l'attuale raccomandazione. ( Xagena2018 )

Kahn RS et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 797-807

Psyche2018 Farma2018


Indietro