Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Agranulocitosi indotta da Clozapina


L'agranulocitosi farmaco-indotta è una reazione idiosincratica potenzialmente pericolosa per la vita, caratterizzata da una profonda diminuzione della conta dei neutrofili e dalla suscettibilità alle infezioni.
Tra i molti agenti causali, il farmaco antipsicotico Clozapina ( Clozaril; Leponex ) occupa un posto unico per il suo ruolo nella schizofrenia refrattaria al trattamento ( TRS ), dove spesso è l'unico trattamento efficace.
L'agranulocitosi indotta da Clozapina ( CLIA ) è un ostacolo all'uso di Clozapina in un numero ampio di pazienti con schizofrenia.

La Clozapina, un farmaco antipsicotico atipico dibenzodiazepinico, è stato introdotto per il trattamento della schizofrenia in Europa nel 1971, guadagnando rapidamente popolarità grazie alla sua efficacia e alla virtuale assenza di effetti collaterali extrapiramidali. Tuttavia, la sua propensione a causare neutropenia e agranulocitosi fu presto riconosciuta, portando al suo ritiro.

Uno studio randomizzato in doppio cieco, che ha dimostrato un'efficacia superiore della Clozapina rispetto alla Clorpromazina nella schizofrenia refrattaria al trattamento, ha portato alla sua reintroduzione nel 1989 in Europa e nel 1990 negli Stati Uniti.
Tuttavia, l'uso della Clozapina è in gran parte limitato ai casi resistenti al trattamento e il monitoraggio dell'emocromo, obbligatorio per l'intera durata del trattamento, è stato introdotto nella maggior parte dei Paesi.

Le linee guida del National Institute for Clinical Excellence ( NICE ) 2014 hanno affermato che la Clozapina è il farmaco di scelta per la psicosi resistente al trattamento, definita come mancata risposta in almeno altri due studi sui farmaci antipsicotici.
La resistenza al trattamento, così definita, colpisce circa un terzo dei pazienti con schizofrenia.
Ci sono evidenze che la Clozapina sia superiore a qualsiasi altro antipsicotico nel ridurre i ricoveri e la mortalità per tutte le cause.

Nonostante la riduzione dell'incidenza di agranulocitosi indotta da Clozapina dovuta ai programmi di monitoraggio del sangue e la ridotta mortalità per agranulocitosi indotta da farmaci, gli psichiatri possono essere riluttanti a prescrivere un farmaco con un effetto collaterale potenzialmente fatale. L'onere aggiuntivo di esami del sangue regolari scoraggia sia i pazienti che i medici dalla scelta della Clozapina.
A causa di queste preoccupazioni, la Clozapina rimane sottoutilizzata nei pazienti con schizofrenia refrattaria al trattamento. ( Xagena2020 )

Mijovic A, MacCabe JH, Ann Hematol 2020; 99: 2477-2482

Emo2020 Psyche2020 Farma2020


Indietro